Marmi ed altri Materiali

Quale marmo scegliere per il proprio camino?

Camino in marmo

Avere un camino di marmo in casa può rappresentare un elemento di comfort e di arredo davvero prezioso, in grado di rendere più bella, calda ed accogliente l’intera abitazione. I camini in marmo rappresentano una soluzione estremamente suggestiva per un’abitazione. I decori, gli intarsi e i dettagli che li caratterizzano, sono infatti in grado di provocare una vera e propria fascinazione, inducendo anche i palati più esigenti a prendere in considerazione la loro adozione.

In particolare a colpire anche l’osservatore più smaliziato è l’insieme di sfumature nella colorazione e di venature che rendono pressoché unica ogni realizzazione, per effetto della differente concentrazione di grana.

I camini in marmo presentano alcuni vantaggi da tenere in considerazione in fase di scelta:

  • sono in grado di conservare al meglio struttura e colore;
  • presentano una forte resistenza alla temperatura della fiamma;
  • trattengono a lungo il calore prodotto, prolungando la sensazione di comfort creata.

Naturalmente si tratta di vantaggi che possono essere esaltati dalla migliore installazione possibile, ovvero tenendo nel debito conto che il camino andrebbe posizionato in una stanza posta al centro del sistema casa, in modo da contribuire a riscaldare il complesso. Tra le soluzioni più classiche ma sempre di grande effetto di rivestimento per il camino vi sono il marmo o pietra: le varie colorazioni disponibili sul mercato consentono di ottenere risultati eccellenti e duraturi. La pietra inoltre accentua la diffusione del calore e dona all’ambiente un tocco rustico ma elegante. Ovviamente il colore è da scegliere in base ai toni degli arredi e ai propri gusti. Anche il rivestimento in ghisa dà ottimi risultati: resistente alle alte temperature, la ghisa è anche un ottimo conduttore di calore. Inoltre, la ghisa si può lavorare in tanti modi per ottenere un effetto altamente personalizzato e in sintonia con l’ambiente.
Il rivestimento in ghisa si adatta anche ad un camino collocato in ambiente classico e lo rende prezioso e originale grazie evocando stili del passato.

È importante scegliere in ogni caso materiali di alta qualità per assicurarsi una lunga durata del rivestimento per il camino. Il rivestimento in marmo data la caratteristica porosa di questa particolare superficie, va trattata con estrema cura, effettuando una manutenzione attenta e continua. Il camino in marmo dovrà quindi sempre essere tenuto pulito ed in ordine, soprattutto quando ci si prepara ad accenderlo durante la stagione invernale.

Ecco alcuni consigli di manutenzione per un camino di marmo.

Rimuovere la cenere
Una buona manutenzione di un camino in marmo passa di solito attraverso una corretta e periodica rimozione della cenere. Per effettuare questa delicata ma necessaria operazione sarà opportuno attendere dodici ore dal momento dell’ultima accensione del camino. A questo punto proteggete gli oggetti che sono posti nelle vicinanze del camino con dei giornali o dei grandi teli in plastica. Munitevi di guanti e mascherina protettiva all’altezza di naso e bocca e iniziate l’operazione di rimozione della cenere che, in un camino di marmo, dovrà seguire una specifica procedura che qui vi descriviamo.

Utilizzare del sale grosso
Prendete la griglia, gli alari e posizionateli in una zona aperta della casa. Con una paletta e una piccola scopa togliete la cenere dalla parte interna del camino e gettate la stessa in un recipiente abbastanza capiente. Il vostro camino in marmo, così pulito, sarà ora pronto per nuove utilizzazioni. Sempre per garantirvi una corretta manutenzione, non dimenticate tuttavia di posizionare almeno una volta a settimana una piccola quantità di sale grosso sulla legna da ardere. Questo vi consentirà di avere meno cenere, meno fumi e di non deteriorare il marmo circostante.

Detergere con alcool e bicarbonato
Ma ora veniamo al modo in cui è necessario trattare specificamente il marmo. Occorre almeno una volta ogni due settimane riempire un secchio d’acqua di medie dimensioni a aggiungervi dentro bicarbonato, alcool e sapone da bucato. Mescolate il tutto e raccogliete il preparato in un panno che poi dovrete, opportunamente strizzato, passare con cura su tutta la superficie esterna e laterale del vostro camino in marmo.

Controllare la canna fumaria
Sistemate adeguatamente le parti in marmo del vostro camino, si tratterà ora di controllare periodicamente lo stato della canna fumaria. Per far ciò vi consigliamo di usare una spazzola di metallo. In commercio ne esistono di specifiche proprio per la pulizia di camini in marmo. Tale spazzola sarà perfettamente in grado di eliminare la fuliggine che si è formata all’interno del condotto.

Applicare polvere di pomice e acqua distillata
Infine, va effettuata una seconda e ultima opera di manutenzione specifica per il marmo. Occorrerà conservarlo fresco, giovane e lucente applicandovi sopra una polvere di pomice. Essa va versata direttamente sul marmo. Strofinate poi con un panno appena inumidito, agendo con maggiore vigore su eventuali macchie che si fossero formate sulla superficie del camino. Il risciacquo va fatto con acqua distillata. Per asciugare dovrete invece utilizzare un panno di lana. Ecco, in pochi gesti quotidiani o periodici, il modo migliore per effettuare una perfetta manutenzione del vostro camino di marmo.